Assolutismo adolescenziale e moderatismo adulto applicati alla strada

Vorrei spiegare due o tre cose che ho realizzato nel corso di questi troppi anni di attivismo per una liberazione delle strade dalla violenza automobilistica. Parto un po’ da lontano, improvvisandomi Umberto Eco dei poveri, ma vi prometto che arriverò abbastanza rapidamente a esprimere il mio disprezzo per Angelo Sticchi Damiani, ex pilota di rally ora -e da molto tempo- alla presidenza dell’Automobile club italiano, che paradossalmente viene catalogato tra le federazioni sportive aderenti al Coni, il massimo organo del governo sportivo. Come tutti gli adulti sanno, nel corso dell’adolescenza le idee sono chiare, nette, assolutiste: su tutto, dalla pizza con la mortadella alle scelte politiche. Andando avanti nel tempo e diventando adulti, la realtà assume molte sfaccettature appunto note agli adulti e la cosa s’infittisce nella terza età, mi dicono. Le idee cominciano ad essere orizzontali più che verticali, i punti di vista sono sì chiari ma un leggero alone di sfocatura s’insinua, e al netto degli idioti da social l’opinione altrui non è più così dannata, dài, ha le sue ragioni. Si comincia ad adottare lo spalluccismo dalemiano sentendo gli assolutismi adolescenziali, gli stessi che avevi tu alla sua età. Questo accade agli individui, ma è lo stesso per i corpi sociali, o categorie, o gruppi radunati da un sentire comune.

Per esempio mi trovo a constatarlo nel corpo sociale, relativamente giovane, dei ciclisti per scelta, chi a qualsiasi età scelga cioé la bicicletta come mezzo di spostamento. A questo gruppo si oppone il ben più vasto corpo sociale di chi invece usa l’automobile, che definiremo come il gruppo adulto (è da più tempo su piazza). I due gruppi hanno le stesse dinamiche del singolo adolescente che si confronta col singolo adulto, o vecchio. Il biciclettaro è netto: fuori le automobili dalla città, punto. L’automobilaro, forte della sua massa ed esperienza, fa spallucce e ritiene normale l’esistente: dal normale scorrere sulle strade e parcheggiarvi legalmente all’estremo dello scontro tra lamiere o parcheggio in tripla fila, “che ci vuoi fare è un incidente/dove vuoi che metta la macchina se non c’è posto”.

Da questo animus adulto escono fuori le frasi di Sticchi Damiani rilevate dal Sole 24 Ore: ““in certi tratti è facile sforare i limiti senza particolari pericoli. Ora per favorire le bici e monopattini potrebbero proliferare zone 30, rischiamo di multare tanta gente che va solo a 40”. La saggia lettura della realtà dell’adulto che sa come sono le cose della vita. Ma”il ragazzo”, ovvero il corpus biciclettaro, è assolutista e usa la logica: sa che nel caso di scontro automobile-pedone la probabilità di morte è del 10% a 30 kmh, mentre a 40kmh sale al 32%. E dunque s’incazza. Ma naturalmente l’adulto se ne frega, lui sta dentro l’abitacolo avendo appunto fatto la scelta adulta, quella che ti porta dal concessionario a scegliere modello e accessoristica e poi firmare carte adulte dando in cambio buona parte del reddito, anche questa cosa da adulti. Roba seria.

Sulla base di quelle parole comunque un gruppo di 30 ragazzini sociali (Fiab, Legambiente, Associazione Vittime Strada, Salvaiciclisti, Kyoto Club, Cittadini per l’Aria eccetera) ha ingenuamente quanto chiaramente scritto a governo e ministri per chiedere, semplicemente, la rimozione di Sticchi Damiani dalla presidenza dell’Ente pubblico Aci e, in prospettiva, lo scioglimento dell’Automobile club italiano. Così, in semplicità. E ci aspettiamo anche che accada.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *