In 10 contro 1.200: è “lo strano caso di via Urbana”

canon100d 030

 

Oggi un geniale titolo su uno screditato quotidiano romano riporta in auge il passatempo preferito dell’Italia del crepuscolo berlusconiano: il ribaltamento della realtà dei fatti.
Si parla ancora della pedonalizzazione di via Urbana. Il titolo del pezzo si risponde da solo: il caso è strano perché è falso l’assunto di base, ovvero che i residenti siano contrari. Di seguito vi spiego perché.  Continue reading

Il giocoso inverno di via Urbana

La vicenda di via Urbana, vicolo storico nel cuore della Suburra, sta facendo discutere tutta Roma, e non solo. La richiesta, forte, di pedonalizzazione della via, fino all’altroieri un parcheggio abusivo sui due lati (larghezza media 7,20 mt) nasce incredibilmente dall’associazione di strada che raduna i commercianti: tutti o quasi artigiani: vecchi e nuovi. E si è allargata a dismisura: c’è un gruppo Facebook con oltre 1.600 aderenti, una raccolta firme che si avvicina al migliaio, e parecchie di queste sono di abitanti della via e del rione. I contrari sono all’incirca una decina.

Tuttavia l’entusiasmo per una prospettiva che dà respiro e speranza agli indigeni -tra cui me- non ci consente di goderci semplicemente il consenso: lo vogliamo ampliare, e far sì che questo diventi un esempio di scuola per tutti.

Abbiamo quindi organizzato, per domenica 4 gennaio 2015, una giornata di giochi in strada: di seguito l’invito, però vorrei che capiste quanto sia importante far circolare la voce, con condivisioni sui social e anche il tam tam analogico che da sempre gli umani usano.

giocourbana

Immaginate che sulla strada al posto delle auto parcheggiate appaiano dei comodi divani, delle sedie con delle persone che chiacchierano. Immaginate di poter correre, giocare, passeggiare in tutta tranquillità su quella strada che fino ad oggi ha avuto una sola utilità: essere la strada delle automobili, un luogo di passaggio. Immaginate di poter utilizzare la via per lo svago ed il gioco. Venite con i vostri figli, portate palle, biciclette . monopattini. Ritroviamo i vecchi giochi di strada come Campana o salto alla corda. Trasformiamo per un giorno Via Urbana in luogo di svago per grandi e piccini

 

Casal Palocco a via Urbana (il disagio)

Via Urbana pedonale, c’è un’evoluzione negativa. Ve la racconterò tra poco, ma prima vorrei che guardaste questo bel brano tratto da Caro Diario, di Nanni Moretti. Un film che ha ormai una ventina d’anni ma è più che mai attuale, in una Roma rattrappita e chiusa su sé stessa. O, almeno, una parte di Roma.

Dunque: ieri, su mia richiesta, è venuta per un confronto/sopralluogo sulla via che vorremmo finalmente liberata dalle auto un’assessora del primo Municipio, Anna Vincenzoni. La notizia del suo arrivo si è sparsa (meno male, aggiungo) e all’incontro hanno partecipato un gruppetto di residenti della via, circa 8, preoccupatissimi per la possibile pedonalizzazione: alcuni proprio infuriati.

Si è così creata un’assemblea spontanea cui hanno partecipato una trentina di persone, tra cui qualche consigliere comunale anche di opposizione. L’occasione dunque ha avuto ancora più valore.

Meno valore invece, al netto delle menzogne e dei tentativi di sviare il discorso dall’argomento, gli argomenti addotti: il più ridicolo di tutti è “Roma non è Copenhagen”, frase appesa al nulla e che niente significa (a parte il fatto che Roma semmai è meglio di Copenhagen); il meno ridicolo, ed è tutto dire, è stato “se pedonalizziamo poi viene la movida/aprono i bangladesh che vendono le birre”. In mezzo di tutto: accuse personali -infondate-, commenti saccenti vista la mia presenza (“e sì, mo’ tutti in bicicletta”), addirittura “m’hanno rigato la macchina”.
Ognuno dei fieri oppositori sosteneva di non parcheggiare sulla via (mentre io so che ognuno lo fa), di volere la sicurezza per i pedoni “ma non si fa con la pedonalizzazione”.
Insomma il disagio middle class reso evidente.

Ed è lì che mi è venuto in mente il brano di Caro Diario: diceva l’allora splendido quarantenne “[….] sento tutto un odore di tute indossate al posto dei vestiti, un odore di videocassette, cani in giardino a fare la guardia e pizze già pronte dentro scatole di cartone”. Il rinserrarsi, voleva dire, dentro le proprietà, separati gli uni dagli altri, centinaia di esistenze monadiche scollegate dalla vita del quartiere nato a ridosso di Roma.

“Eppure Roma era bellissima negli anni ’60, perché ve ne siete andati?”, dice Moretti a un occasionale passante (che ha in mano due Vhs).

Ecco: Roma era bellissima e la rivogliamo bellissima. Ma adesso è la casalpalocchitudine sbeffeggiata da Moretti a essere venuta a Roma, anche nel suo cuore più profondo: la Suburra.

Il dentro astioso verso il fuori, il rinserramento invece dell’apertura, una socialità rivolta altrove e un desiderio di solitudine. E il garage per la vettura: sì, perché al fondo di ogni opposizione alla pedonalizzazione aleggia il non detto, il mai detto per non mostrarsi per ciò che si è: un/a egoista. “Voglio la macchina sotto casa”. 

E questa è la vera, l’unica, ragione del no!.

 

“Via Urbana pedonale”: lo chiedono i commercianti

urbanasenzauto

(Nella foto, via Urbana senz’auto ieri sera)

 

Questo è un post intensamente romano, e scritto per amore -ci abito da quasi 20 anni, per una serie di casi fortunati- di una delle vie più belle del rione Monti. Ma credo che valga per tutti.
La notizia è questa: l’associazione di strada dei commercianti ha scritto una lettera a presidente e assessori del I Municipio, quello del centro storico di Roma, per chiedere di pedonalizzare la via.
Che io sappia è la prima volta, a Roma, che dei commercianti chiedono la pedonalizzazione. La categoria è tradizionalmente refrattaria ai progressi, ai cambiamenti che portino un nuovo modo di vivere la città. Anche per questo credo che il post, pur prettamente romano, possa essere letto con interesse nel resto del territorio chiamato Italia.
Inserirò il testo della lettera in fondo al post, per chi lo vuole leggere. Qui, ora, voglio fare alcune considerazioni che inquadrino la situazione.

Via Urbana, anticamente vicus Patricius, risale direttamente alla fondazione di Roma: poco meno di 3.000 anni di storia, e che storia. E’ l’ideale prosecuzione dell’Argiletum, il sentiero in terra battuta che collegava la Roma quadrata con il suo primo suburbio, appunto la Suburra. Luogo di criminali, mignotte e i loro lenoni. Ci veniva a passare le sue notti orgiastiche Messalina. Dicono che ci sia nato Giulio Cesare. Non molto, nel profondo, è cambiato: sempre ambiente di movimenti strani conviventi con le vite normali di agiati cittadini, com’era fin dall’inizio. Una delle caratteristiche dei monticiani, rispetto agli altri romani, è di non salutare mai nessuno, di non guardare direttamente: un’antica abitudine dovuta alla regola del famose l’affari nostra.
Una sola cosa, qui, è cambiata nei secoli: l’immane parcheggio sui due lati del vicus. Non solo vietato in linea generale dal Codice della Strada per la larghezza inferiore a quella consentita per un doppio deposito di lamiere, ma anche da un cartello, che viene regolarmente rubato da mani ignote o, quando resiste, assolutamente ignorato.

Da qualche mese si sta rimettendo mano al selciato, grazie a dei lavori urgenti dell’Italgas. La strada, a tratti, è stata liberata dalle automobili e si è mostrata nell’intensa bellezza che vedete nella foto di apertura. Addirittura dei bambini scendono da casa per andarci a giocare, pensate che strano.
Si è dunque sviluppato un intenso ragionamento, non solo dei commercianti, su quanto sarebbe bello liberare definitivamente via Urbana dalle automobili.

Adesso, oggi martedì 16 dicembre, la lettera dei commercianti che ne chiede la pedonalizzazione definitiva. Ve la allego qui sotto.
Siete pregati di diffondere questa bella notizia.

ps: ora c’è anche una pagina facebook, che ha superato in meno di un giorno le 1.000 adesioni.

___________

Spettabili

  • Municipio Roma Centro Storico
    Egr. Presidente Sabrina Alfonsi
  • Egr. Assessore Anna Vincenzoni
  • Egr. Assessore Tatiana Campioni

Roma 16/12/2014

OGGETTO: Richiesta di pedonalizzazione Via Urbana, Tratto Via degli Zingari – Via Panisperna

L’Associazione di strada via Urbana, di seguito Associazione di strada, nasce allo scopo di riunire in un unicum progettuale le varie entità commerciali e non-profit di Via Urbana per il bene della cittadinanza e per promuovere il turismo e la socialità nello storico Rione Monti. Molte le attività che l’Associazione di strada ha già organizzato per dare vita a una via importante a livello storico, commerciale e non di meno culturale, per unire residenti e attività in momenti di incontro e di scambio.

L’Associazione di strada Urbana via , attraverso l’ unione delle varie attività che la caratterizzano , intende valorizzare al massimo la strada al fine di farla diventare un polo di interesse culturale artistico e commerciale nello storico rione Monti

Via Urbana accoglie tra le sue realtà differenti botteghe artigiane in cui, maestranze d eccellenza, portano al futuro antichi mestieri . Falegnami, fabbri, restauratori, mosaicisti, vetraisti , cerai, ceramisti, camiciai, orologiai , gioiellieri ,parrucchieri e barbieri si mescolano alle gallerie d’ arte, ad antiquari, ricercati negozi di moda e design, ristoranti e bar di ottimo livello. Insieme ad attività culturali quale la scuola di musica e due cinema rendono la strada un percorso affascinante per i cittadini ed il turista

Il patrimonio storico e culturale della città è enorme, tuttavia al momento è sottovalutato.

E’ necessario preservare tali ricchezze restituendole ai cittadini in modo che possano usufruirne e per far ciò è ideale sottrarre una strada storica e turistica alle auto attuando la pedonalizzazione totale. Da tale azione si trarrebero numerosi benefici tra cui:

-Un incentivo al commercio in questa zona ormai in via di sviluppo vista l’impossibilità di raggiungere i negozi a causa delle macchine.

-La salvaguardia dei beni storici che si deteriorano inevitabilmente perdendo i loro naturali colori a causa delle polveri sottili dovute al forte inquinamento. Ricordiamo che via Urbana sede di ricche domus signorili, in epoca romana corrisponde all’antico vicus Patricius e prende l’attuale nome da Papa Urbano VIII, che l’ampliò nel XVII secolo. Questa antica strada è legata al titulus Pudentis e ai soggiorni che, secondo fonti storiche, San Pietro ha fatto presso questo senatore cristiano, in seguito martirizzato insieme ai figli Pudenziana, Prassede, Novato e Timoteo. E’ qui che sorge l’antichissima Chiesa di Santa Pudenziana.

-Restituzione alla città uno spazio pubblico per passare il proprio tempo libero

-Creazione di un itinerario turistico lungo la strada al momento non sfruttato per l’assenza di marciapiedi che non permettono l’agevole passaggio dei pedoni

- Salvaguardia del manto stradale, appena rifatto e che il transito dei veicoli porterebbe in breve a danneggiarlo nuovamente

- Incentivo alla mobilità alternativa come la bicicletta muovendosi così rapidamente ed in sicurezza

Anche il più disattento dei cittadini avrà gioco facile nel constatare come la pedonalizzazione dei centri storici sia ormai riscontrabile nella quasi totalità delle città italiane ed europee, soprattutto quando esse presentano livelli di inquinamento e congestionamento di automobili elevati, come risulta evidente nel caso di Via Urbana.

Ecco le nostre proposte:

Delimitazione isola pedonale

I confini esterni (quindi non inclusi nel piano di pedonalizzazione) dell’isola pedonale sarebbero: Incrocio con via degli Zingari e incrocio con via Panisperna

Modifiche viabilità

Non presenta particolari problemi in quanto Via Urbana non rappresenta un’arteria vitale di circolazione, questo è confermato dal fatto che da quasi un anno la strada è chiusa al traffico per i lavori dell’Italgas, e questo non ha compromesso assolutamente la viabilità della zona. Resterebbe solo l’accesso temporaneo per commercianti e residenti per carico e scarico merci

Parcheggi
Con la creazione di quest’isola pedonale, si perderebbero complessivamente n. 15 parcheggi. Non ci sembra un numero così elevato da non prendere in considerazione l’idea della pedonalizzazione. In più si potrebbero recuperare questi parcheggi, permettendo ai residenti di via Urbana di parcheggiare in Via Cavour.

Conclusioni
Speriamo che le nostre richieste vengano accolte, visto anche l’impegno dell’amministrazione capitolina negli ultimi anni nel creare al centro della città delle isole pedonali atte a valorizzarne la bellezza e la fruibilità.

Vi ringraziamo anticipatamente e inviamo i nostri più cordiali saluti.

Associazione Urbanamente

Presidente Renato Gargiulo

Incontro informale con l’ad di Roma servizi per la Mobilità

Alla fine del blocco della Colombo di ieri, alcuni di noi sono andati sotto la sede dell’assessorato Mobilità, dove contemporaneamente si stava tenendo la riunione che abbiamo deciso di disertare, in polemica con l’amministrazione.

Questo è il video dell’incontro.

In questo video non si vede, ma è stato chiarito che non parteciperemo più a tavoli finché non verrà realizzata la corsia ciclabile di S.Bibiana, ormai un simbolo. L’ottimo Carlo Maria Medaglia però -qui si vede- mostra di non aver recepito la sua importanza. E questo è un problema.

Quanto sia distante la percezione delle cose tra cittadinanza attiva e amministrazione si può capire da questo bel pezzo di Core online.

ps: qualcuno riesce a spiegarsi perché non è mai un ciclista quotidiano a gestire l’amministrazione della ciclabilità a Roma?

Siamo tutti in ostaggio?

cancellazionesbib

Ci sono alcune inquietanti coincidenze in questo 2 dicembre 2014.

– In meno di 48 ore viene cancellata dal Comune l’ormai ultranota “ciclabile popolare” del tunnel di S.Bibiana, accolta con gioia dai cittadini di S.Lorenzo (andate a guardarvi il video su Bikeitalia). Opera attesa da anni, cancellata in una manciata ore con una solerzia inspiegabile per il Comune di Roma.

– per inciso, il giorno dedicato a S.Bibiana è proprio il 2 dicembre.

– Neanche 24 ore fa (intorno alle 15) veniva ucciso Paolo Venturini, un uomo che stava attraversando la Cristoforo Colombo per continuare il suo jogging nel parco della Caffarella, dopo averlo iniziato nell’antistante quartiere della Garbatella; è stato colpito da un’automobile, il suo corpo ha fatto un volo di 20 metri, figurarsi la velocità (persino in frenata, voglio immaginare). Su quella strada era stato ucciso pochi giorni fa Marcello Beltramme. Oggi alle 18 li ricorderemo sul luogo dell’ennesima tragedia evitabile con poco.

– Stamane un’operazione dei Ros, inviati dalla procura di Roma, sta arrestando politici e criminali neofascisti accusati di aver messo su un’associazione di stampo mafioso per lucrare su ogni aspetto possibile della vita pubblica romana. Secondo le cronache in via di evoluzione tra gli indagati anche l’ex sindaco di Roma Capitale.

Ho come l’impressione di essere, io e gli altri romani per bene, prigioniero di un incubo. Ostaggio di un male imprendibile, indefinibile.

Una comunità costretta al fai da te

 

s.bib

 

Amministrazioni sorde e inefficienti, quando non stolide o/e pavide, portano alla situazione che ora descriverò.

Oggi ho partecipato alla costruzione di una ciclabile abusiva nel tunnel di S.Bibiana, per tutti i romani il traforo di S.Lorenzo. , che alla fine si presenterà così:

sbib1

sbib2

sbib4

sbib3

Collega l’Esquilino a S.Lorenzo Fuori le mura; li collega perché tra i due quartieri passano i binari di Roma Termini.
Si tratta di due quartieri a intensa frequentazione ciclistica per una pluralità di motivi: gli universitari, le varie etnie che vivono nella zona di piazza Vittorio, una generica società adulta e ancora “alternativa”, coppie ancora giovani ma con prole, gente di spettacolo, arte e varie applicazioni creative dell’intelletto. Molti di questi usano, malgrado tutto, la bicicletta come mezzo di trasporto anche grazie alla riscoperta socioeconomica del mezzo semplice per eccellenza: persino a Roma, guarda un po’.

Il tunnel è a senso unico dall’Esquilino a S.Lorenzo. La carreggiata è ampia 9 metri circa, con due strettissimi passaggi pedonali ai lati, protetti da fitte transenne. Uno spazio stradale eccessivo tutto appannaggio della tirannia automobilistica.
Da anni blogger e comitati locali chiedono (esiste una petizione online e persino un progetto stilato gratuitamente) di ricavare un percorso ciclabile a doppio senso. A oggi il controsenso viene effettuato a rischio della vita; il giro alternativo è troppo lungo e soprattutto ancora più pericoloso, stupido, offensivo per la sua chiara matrice automobilistica.

Risposte pari a zero. Stendendo una lapide sull’amministrazione Alemanno (scus. il term.), quella Marino non sembra aver neanche recepito le reiterate proposte, che non solo sono ragionevoli ma persino ovvie. Penso sia altamente probabile che i fumosi uffici tecnici facciano al meglio quanto di loro abitudine, ovvero niente per non disturbare lo status quo e magari, chissà, non assumersi alcun tipo di responsabilità. Ormai ne conosco il modus inoperandi.

E allora, per disperazione, abbiamo deciso di fare da noi. Una decina di volontari hanno realizzato la ciclabile, e al diavolo le amministrazioni. Tutti i volontari sono persone adulte quando non avviate verso la terza età, molti con famiglia e figli. Tre quarti d’ora di lavoro, 140 euro di spesa.

Costringere costoro a commettere illeciti è il vero reato.

Di seguito il comunicato fatto trovare dagli anonimi organizzatori:

Siamo un gruppo di cittadini che vivono e si muovono fra S. Lorenzo e l’Esquilino a piedi e con la bicicletta. Come molti altri, ci muoviamo senza l’auto, anche con i nostri bambini che vanno a scuola, a nostro rischio e pericolo, in una città fatta per le auto. Sappiamo dei gravi problemi che questa amministrazione deve affrontare – e il traffico è uno dei principali – delle poche risorse che ha a disposizione, dei conflitti che generano le azioni di contenimento dello spazio per le auto, ma riteniamo che, nonostante tutto, molte cose si possano fare per la sicurezza di chi lascia l’auto e sceglie la bicicletta per muoversi.

Allora, a titolo dimostrativo, una di queste cose l’abbiamo fatta noi direttamente: rendere sicuro per le biciclette il tunnel di S. Bibiana, che collega fra loro almeno 50.000 abitanti dei due quartieri e molti altri che passano lungo la via Tiburtina, con una semplice striscia per terra e qualche segnale.

L’abbiamo fatto dopo molti anni di richieste, di riunioni con assessori e tecnici, di condivisione con i cittadini, abbiamo anche elaborato un progetto e lo abbiamo offerto gratuitamente all’amministrazione.

Questa azione vuole solo dimostrare quanto sia facile a volte fare quello che è necessario. Noi ci abbiamo messo qualche incontro, un centinaio di euro di materiali, una decina di persone per un ora di lavoro. Ovviamente sappiamo bene che per una amministrazione è tutto molto più complicato, le procedure per decidere e per fare, le molte norme da rispettare. E contiamo che realizzi l’opera molto meglio di come abbiamo fatto noi. Ma rimane il fatto che, per un opera così facile e così condivisibile, è inaccettabile che si debba aspettare un tempo così lungo. Il sindaco Marino, che è sensibile al problema perché usa la bici, capirà sicuramente e raccoglierà subito la nostra domanda di sicurezza, ovunque è possibile farlo a costo zero. A partire dal tunnel di S. Bibiana.

Il gruppo di cittadini promotore

 

Una gita sull’ascensore C di Roma

IMG_3244

In questi giorni di possente nullafacenza (il periodo migliore della mia vita adulta) faccio tutto ciò che mi salta in testa.
Si tratta soprattutto di iniziative inutili, come quella di ieri: andarmi a fare un giro sulla metro C, l’equivalente romano della tratta Tav tra Torino e Lione per polemiche e incendio di fondi pubblici.

Per capire dov’è telefono a un amico, che giusto il giorno prima s’era fatto la stessa passeggiata. Guardate che non è automatico: uno dice “linea Pantano-Centocelle”, ma questo non vuol dire niente. So dov’è Pantano Borghese (si tratta di uno sparuto gruppo di capannoni e casupole sulla Casilina, qualche km prima del bivio per Valle Martella che sporadicamente frequento in bici per andare nella casa di campagna dei miei, ma “Centocelle” è un concetto vasto. La stazione, vengo a sapere, è all’intersezione tra Casilina e viale Palmiro Togliatti. Da casa mia sono quasi 7 km. Dovrebbe comunque passare da queste parti nel 2024 circa, quando avrò 60 anni: je la posso fa’.

 

IMG_3240

Intanto pedalo fino alla stazione provvisoriamente più centrale.

IMG_3243

Al netto della pioggia che gli si precipita dentro, la stazione Parco di Centocelle è un pezzo d’Europa nel degrado casiliniano. Stona un po’ e ha troppo marmo addosso, ma comunque è ampia e semplice anche se gli ingressi ai treni sono chissà perché su due lati ortogonali e non su fronte unico. L’ingresso in bici non viene molestato da alcun operatore, altra traccia di territorio europeo.

Il Treno è praticamente un ascensore orizzontale, con doppie porte su treno e marciapiede. Ormai sappiamo tutti che non ha conducente (treno automatico Ansaldo, dice il sito); ha quindi ai due capi una pregiata vetrata che consente di guardare il panorama in corso di marcia.

Esistono stalli per bici (e carrozzelle) in due vagoni, quelli prima dei due capi.

IMG_3245

Ma i supporti non possono accogliere gomme larghe, da mtb per intenderci:
IMG_3246

Quindici stazioni, 13 km e si arriva al capolinea di Monte Compatri-Pantano. Malgrado l’apertura della prima tratta sia un atto essenzialmente propagandistico, politico, simbolico e quant’altro, devo riconoscere a malincuore che i due treni che ho preso per andata e ritorno erano frequentati, anche in un orario scemo come quello da me scelto, tra le 15 e le 16. Non come le scene alla Doré che siamo abituati a vedere su A, B, Lido e Roma Viterbo, certo, ma qualche decina di persone c’era.
I lavori di dettaglio sono ancora in corso, per esempio a Pantano mancano le indicazioni sulla direzione da prendere per i binari 1 e 2, ma tutto sommato le stazioni sembrano complete e funzionanti, con accesso garantito per i disabili e un impatto visivo tutto sommato contenuto. Resta da vedere se i pendolari lasceranno davvero le loro disgraziate vetture nei parcheggi o no. Lasciamo che sia il tam tam cittadino a convincerli, perché di comunicazione decente ufficiale questa città è sprovvista.
Il mistero di cosa ci si vada a fare a Pantano comunque mi resta: probabilmente a cena al ristorante messicano di fronte al capolinea.

IMG_3252